salussola

SalussolaNet è Cultura, Arte, Storia e Turismo a Salussola


Vai ai contenuti

Menu principale:


Martire don Francesco Cabrio

Salussolesi Illustri


Il martire don Francesco Cabrio
Don Francesco Cabrio nacque a Salussola il 4 gennaio 1913 da Giovanni e da Teresa Macchieraldo, ricevette il battesimo dal vice parroco don G. Tarabolo il 19 gennaio 1913, la sua prima Comunione il 17 marzo 1921 e la Cresima l'11 novembre 1923.
Nei primi anni della sua giovinezza abitò nella cascina san Pietro, ex convento del priorato di San Pietro Levita e fino al 1937 nella cascina Riunci di sotto.
Frequentò le scuole elementari di Salussola fino alla classe III; nell'ottobre del 1926 entrò in seminario a Biella per frequentare le classi successive e qui vi rimase per dodici anni.
Il 18 dicembre 1937 ricevette il suddiaconato e il 12 marzo 1938 il diaconato.
Il 26 giugno 1938 fu ordinato sacerdote per mani del vescovo Monsignor Carlo Rossi presso la cattedrale di Santo Stefano in Biella.
Il giorno dopo l'ordinazione, celebrò la sua prima Santa Messa presso la cappella della Madonna al Santuario di Oropa.
Martedì 28 fu a Strona dove celebrò la Santa Messa presso la tomba dell'amato Direttore Spirituale Don Oreste Fontanella.
Mercoledì 29 giugno 1938, festa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, alle ore 10,30 celebrò la Santa Messa solenne nella chiesa di Santa Maria Assunta in Salussola.
Fino al 1941 ricoprì la carica di viceparroco di Cossato e fino al 1944 quella di viceparroco di Mongrando Curanuova. L'8 dicembre del 1944, a 31 anni, fu nominato parroco di Torrazzo.
Sono gli anni della guerra ed egli si prodigò nell'aiuto alle famiglie, prestò la sua opera pastorale anche a beneficio dei partigiani qualora richiedessero la confessione e la comunione, e collaborò nel dare ricovero a persone coinvolte nella resistenza.
Morì a Torrazzo il 15 novembre 1944, trent'otto giorni dopo il suo insediamento di parroco, ucciso a tradimento con una raffica di mitra dall'ufficiale repubblichino Gian Francesco del Corto della divisione Littorio, mentre si prodigò a trattare il rilascio di quattro partigiani e a dare loro conforto spirituale.
Il giovane parroco aveva con sè l'olio santo.
E' sepolto nel cimitero di Salussola capoluogo.



claudio.circolari[at]salussola.net - bibliografia


Torna ai contenuti | Torna al menu