salussola

SalussolaNet è Cultura, Arte, Storia e Turismo a Salussola


Vai ai contenuti

Menu principale:


Bastìa e le Origini della sua Borgata

Salussola

La Bastìa e le origini della sua borgata
Il sistema difensivo del Comune di Salussola, qui aveva una propria casamatta fortificata, detta bastìa, da cui il toponimo odierno di Bastìa.
La conformazione idrogeologica era diversa da quella odierna, l'Elvo era diviso in tre rami, e nei secoli di rotte e piene ha formato una regione denominata " isolone de la Bastìa ".
Oggi dopo le modifiche apportate al corso dell’Elvo dei primi anni del 1800, l’area è identificabile tra le regioni Mafferia, Rivette e Blengo.
Tra il nuovo viadotto stradale e l’ex Consorzio Agrario, l’Elvo aveva creato un bacino d’acqua, e fino ai primi decenni del 1800 c’era una chiatta che traghettava animali, merci e persone.
Da la Bastìa si dipartivano le strade per Biella, Verrone, Puliaco e Massazza.
L'oratorio della borgata, sotto il titolo di san Rocco di Montpellier ha origini votive risalenti al XVI secolo.
La popolazione di Salussola nutrì sempre una gran venerazione verso san Rocco, e non poche volte ricorse al suo patrocinio.
E' situato non lontano dalla sponda orografica sinistra del torrente Elvo, e tra la strada regionale 143 e la strada provinciale 312.
Quando fu eretto, la zona era posta oltre il limite del borgo di Salussola, lungo la strada regia Biella - Torino, l’odierno tratto iniziale di Via Vigellio e Via Rivette.

claudio.circolari[at]salussola.net - bibliografia

DOVE SI TROVA

L'agglomerato urbano della borgata la Bastia si trova lungo l'asse della strada provinciale Salussola Verrone, e a destra della strada provinciale 143 per Biella, alla sinistra orografica del torrente Elvo.
Sul suo territorio sorgono alcune attività produttive e commerciali.


Torna ai contenuti | Torna al menu